Giro del Fanes-Senes in MTB

Uno dei percorsi MTB più belli delle Alpi porta attraverso i parchi naturali Fanes-Senes-Braies e Dolomiti d’Ampezzo.

Punto di partenza (normale) per questa gita è il Rifugio Pederü (1.548 m s.l.m.), raggiungibile da San Vigilio di Marebbe. Noi invece decidiamo di partire dal paese di San Vigilio e di percorrere la suggestiva Valle di Tamores in bici. Riscaldati (anche se difficile con 4° C la mattina in pieno luglio) arriviamo al Rifugio Pederü, dove inizia un tipico sentiero d’alta montagna che richiede una buona preparazione. Percorriamo una serie di tornanti che s’inerpicano nell’ampio Vallon di Rudo caratterizzato da un fronte morenico. Successivamente affrontiamo una seconda salita che porta al Rifugio Fanes a 2.060 m s.l.m. Troppo presto per una sosta, proseguiamo sempre in salita verso il Passo Limo (2.172 m s.l.m.), la quota massima del nostro percorso. Il tratto dal rifugio al Passo Limo è impegnativo e malagevole e alcuni devono smontare e spingere la bici, ma uno sguardo indietro ci fa dimenticare gli sforzi: verdi pascoli e rocce scintillanti ovunque.

Al Lago Limo verde smeraldo ci riposiamo e ci prepariamo per una lunga ed entusiasmante discesa attraverso la Val di Fanes. Nella discesa di 10 km superiamo un dislivello di 800 m e qualche pezzo ingombro di pietre riechiede cautela e abilità. La discesa si presenta abbastanza difficile per chi non è abituato. Numerosi sono gli angoli impressionanti dove si potrebbe godere una bella sosta rilassante, ma visto che il percorso è ancora lungo andiamo avanti. Una pausa obbligatoria però ci vuole al pittoresco Ponte Alto (1.380 m s.l.m.) che supera la forra del Rio di Travenanzes. Dopo il terzo ponte (oppure dopo ca. 28 km da San Vigilio) svoltiamo a sinistra su una strada forestale, dove ha inizio la nostra seconda ascesa altrettanto dura.

Il sentiero ci porta ad un parcheggio, dove proseguiamo la strada asfaltata che s’impenna inoltrandosi in una stretta valle. La strada si presenta ripidissima con punti fino al 18%, ma il passaggio è impressionante immerso fra pareti rocciose. Presso il Rifugio Ra Stüa (1.668 m s.l.m.) ci fermiamo per un’altra sosta (che ci vuole veramente), prima di affronare l’ultima ascesa, che si rivelerà la più dura. Circa 450 m di dislivello mancano ancora fino al Rifugio Senes, la nostra meta di pranzo. Tanto il fondo disagevole dell’ultimo pezzo quanto la pendenza critica ci costringono a smontare e camminare. Per questa ragione si tratta di un pezzo molto impegnativo e duro, bensì impressionante grazie alle pareti rocciose che affiancano il sentiero.

Evitando diramazioni (p.e. al Rifugio Biella) finalmente raggiungiamo il Rifugio Senes (2.126 m s.l.m.), dove ci fermiamo per un bel pranzo. Non solo il pranzo, ma anche i maialini sono una vera e propria attrazione al il rifugio. Dopo aver riempito lo stomaco risaliamo il sella per affrontare la discesa. Su cemento e ghiaia proseguiamo verso il punto di partenza, passando le Baite Fodara Vedla che creano un paesaggio alpino molto originale. Dopo essere rimontati un dosso ci tuffiamo nella discesa più che imponente che richiede assoluta padronanza della bici per chi vuole rimanere in sella. La pendenza si rileva fuori dal comune con una media del 21% e pavimentazione in cemento e ghiaia. Dopo aver superato la discesa mozzafiato, in sella oppure a piedi, la gita finisce al Rifugio Pederü (oppure a San Vigilio per chi abbia deciso di partire nel paese).

Indicazione: gita davvero impressionante dal punto di vista panoramico e paesaggio mozzafiato. Si attraversa entrambi i parchi naturali Fanes-Senes-Braies e Dolomiti d’Ampezzo. Il sentiero è fiancheggiato da maestose pareti rocciose, ruscelli e pascoli. Qualche difficoltà dal punto di vista tecnico sia in salita che in discesa, richiesta una buona condizione fisica come anche un’adeguata preparazione e padronanza della propria bici!

Autore: BS

Consiglio: se volete intraprendere questo giro in bici, informatevi prima delle attuali condizioni direttamente sul posto!

Punto di partenza: San Vigilio di Marebbe, o parcheggio Rifugio Pederü (12 km da San Vigilio)
Percorso: San Vigilio - Valle di Tamores - Pederü - Rifugio Fanes - Passo Limo - Lago Limo - Val di Fanes - Ponte Alto - Rifugio Ra Stüa - Rifugio Senes - Baite Fodara Vedla - Pederü - San Vigilio
Segnavia: 10/11, Rifugio Fanes, Rifugio Ra Stüa, Rifugio Sennes
Lunghezza del percorso: 33 km (da Pederü), 56 km (da San Vigilio)
Tempo di percorrenza: 4 - 5 ore (da Pederü), 1 ora di più da San Vigilio
Dislivello: 1.450 m (da Pederü), 1.780 m (da San Vigilio)
Altitudine: tra 1.201 (San Vigilio, Pederü: 1.548 m) e 2.170 m s.l.m. (Passo Limo)
Grado di difficoltà: molto difficile
Giro intrapreso a: luglio 2009
Ulteriori informazioni: APT San Vigilio di Marebbe, tel. +39 0474 501037

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere

Alloggi consigliati

  1. Alpinhotel
    Hotel

    Alpinhotel

  2. K1 Mountain Chalet
    Residence

    K1 Mountain Chalet

  3. Hotel Hubertus
    Hotel

    Hotel Hubertus

  4. Hotel Bad Waldbrunn
    Hotel

    Hotel Bad Waldbrunn

  5. Entdecker Hotel Panorama
    Hotel

    Entdecker Hotel Panorama

Suggerimenti ed ulteriori informazioni